ROBERTO CAMBI

Roberto Cambi Meteorite

Partendo da questo dato scientifico e contagiato dalle minacciose profezie dei maya,

mi sono immaginato che un frammento di questo asteroide  attraversasse  lo spazio per giungere nella città natale del grande liutaio.

Da qui lo spunto alla mia opera, un meteorite di metallo ridondante di violini luccicanti di polvere di stelle, caduto sul nostra pianeta non per inquietare i nostri animi ma per omaggiare il grande Maestro Stradivari, i cui strumenti e la loro qualità sonora sono ancora dopo centinaia di anni materiale di studio e di ricerca.

SCHEDA TECNICA

Titolo dell’opera: “Meteorite 19189”

Superficie in acciaio specchiato con inserimento di crateri in ceramica smaltata e cotta a terzo fuoco con platino.  Misure cms 120x90x70